Cosa devi sapere sul cancro della pelle?

A te o a qualcuno che conosci potrebbe essere stato recentemente diagnosticato un cancro della pelle. Fortunatamente, la maggior parte dei tumori della pelle sono carcinomi basocellulari o squamocellulari a basso rischio.

Durante la pandemia COVID19 sono stati rallentati i servizi di dermochirurgia, posticipando molti degli interventi anch egià programmati.

La raccomandazione in questo momento è di ritardare il trattamento di quasi tutti i carcinomi basocellulari, poiché la stragrande maggioranza è a crescita lenta ed è improbabile che un ritardo nel trattamento abbia un impatto sul corso del trattamento (l’intervento chirurgico per eliminare il tumore e la successiva ricostruzione) .

Alcuni di questi possono essere trattati con creme topiche su prescrizione e potrebbero non richiedere un intervento chirurgico. Anche il trattamento della maggior parte dei carcinomi a cellule squamose può essere differito, purché non siano presenti caratteristiche ad alto rischio. Il tuo dermatologo può valutare e discutere questa opzione con un consulto di tele-dermatologia. L’urgenza del trattamento del melanoma varia in base alla profondità dell’invasione del tumore e alla presenza di caratteristiche ad alto rischio, e queste vengono affrontate caso per caso.

Condizioni che richiedono cure immediate

I dermatologi online di DCderma.com affermano che riconoscere l’insorgenza di una dermatosi o peggio di un tumore cutaneo  precocemente è estremamente importante per avere successo terapeutico.

La teledermatologia è particolarmente utile nelle dermatosi croniche (acne, malattie infiammatorie e pigmentarie della pelle), nella cura di pazienti geriatrici e oncologici con complicanze dermatologiche.

Il video consulto dermatologico sicuramente riduce ampiamente il numero di consultazioni personali, ma quando rivolgersi al dermatologo online?

Come regola generale, se una lesione sta crescendo rapidamente (cioè, un cambiamento significativo in un periodo di 1-3 mesi), sanguina spontaneamente o è dolorosa, vale la pena un’ulteriore valutazione. Durante questo periodo, il tuo dermatologo può consigliare una visita preliminare di teledermatologia come valutazione iniziale e può fornire rassicurazioni o raccomandare un appuntamento con il dermochirurgo per un’eventuale biopsia. Allo stesso modo, se noti un neo che sta cambiando in termini di dimensioni, forma, colore o sintomi o mostra le caratteristiche degli ABCDE del melanoma, dovrebbe essere valutato da un dermatologo, specialmente se hai una storia personale o una storia familiare di melanoma. Mentre molte dermatiti cutanee possono essere gestite molto bene tramite una visita di teledermatologia, un’eruzione cutanea in rapida espansione o un’eruzione cutanea con sintomi associati (come febbre o dolore addominale) probabilmente richiederà una visita di persona. Inoltre, qualsiasi malessere per un’infezione attiva che necessita di intervento, come una cisti infetta che necessita di drenaggio, potrebbe richiedere una visita clinica di persona.

Quando possiamo aspettare

L’Associazione Dermatologi Ospedalieri Italiani (ADOI) ha comunicato continuamente con i suoi associati negli ultimi mesi. Hanno fornito indicazioni pratiche su argomenti affrontati quotidianamente dai dermatologi. Tra queste linee guida c’è il riconoscimento che ogni clinica dovrà affrontare la propria situazione particolare in modo diverso, in base alla popolazione di pazienti, all’acuità della malattia e alla prevalenza di COVID-19 nella propria area. Tuttavia, alcune restrizioni sono ampiamente consigliate durante la pandemia. Ad esempio, se non già imposto dalle autorità locali, molte procedure sono state differite. Esempi di procedure differibili sono: iniezioni di neuromodulatori (ad esempio, Botox), iniezioni di filler, trattamenti laser, rimozione di nei per motivi estetici e altri. Anche le condizioni mediche non urgenti come le precancerosi (cheratosi attiniche), le cisti, l’acne, la rosacea e la caduta dei capelli vengono regolarmente differite, così come le condizioni croniche della pelle, come la psoriasi e l’eczema. Inoltre, la valutazione di persona di eruzioni cutanee limitate e lesioni cutanee stabili dovrebbe essere posticipata. Anche i controlli cutanei regolari per i pazienti senza una storia di melanoma o tumori della pelle aggressivi sono stati rinviati dalla maggior parte degli studi.

Comprendiamo che i problemi di cui sopra, sebbene non pericolosi per la vita, sono molto preoccupanti per molti dei nostri pazienti. A tal fine, come molte altre pratiche, le cliniche dermatologiche programmano una visita teledermatologica a tutti coloro che hanno dubbi sulla propria pelle, capelli o unghie. Oltre il 90% delle volte questo tipo di consulto online risolverà il problema; per il resto sarà necessario vedere di persona un dermatologo. Questo ci ha consentito di affrontare in modo sicuro tutte le esigenze dei pazienti durante questo periodo di isolamento sociale.

Che cosa è la Telemedicina

La telemedicina è “l’uso di informazioni elettroniche e tecnologie di telecomunicazione per supportare e promuovere l’assistenza sanitaria clinica a lunga distanza, l’istruzione sanitaria professionale e dei pazienti, la sanità pubblica e l’amministrazione sanitaria”. Con un occhio alla sicurezza pubblica, alla mitigazione dell’esposizione non necessaria a potenziali portatori di malattie e alla conservazione dei dispositivi di protezione individuale, si sta incoraggiando la transizione alla telemedicina e gli assicuratori privati ​​stanno seguendo l’esempio. Queste visite remote possono assumere due forme principali: sincrone e asincrone. Gli incontri sincroni sono visite dal vivo con una conversazione e una valutazione in tempo reale tra medico e paziente. Le visite asincrone vengono talvolta definite visite “memorizza e inoltra”, in cui il paziente carica la propria storia clinica e le fotografie che il medico rivede in un secondo momento, pone domande se necessario tramite un sistema di messaggistica sicuro, quindi consegna un report con la diagnosi e il piano di trattamento.

 In molti modi, la dermatologia è particolarmente adatta alla telemedicina e molti studi di dermatologia avevano già una qualche forma di servizio di telemedicina in atto prima dell’emergere di COVID-19. Con le restrizioni sulle visite in clinica combinate con l’allentamento sia delle normative sulla telemedicina che dei requisiti di monitoraggio dei farmaci, gli studi medici stanno aumentando le loro consulenze di telemedicina. I follow-up di routine, le visite per le prescrizioni dei farmaci, la valutazione di lesioni cutanee iniziali e la valutazione di malattie dermatologiche di lieve gravità sono ben gestiti con la telemedicina, con la possibilità di raccomandare una visita clinica per una possibile biopsia o un intervento più urgente.

I commenti sono chiusi.