Costruzioni sempre più antisismiche ed ecosostenibili

Costruire abitazioni antisismiche ed eco-sostenibili è considerato un gesto d’ amore nei confronti della salute del pianete e nei confronti di chi deciderà di vivere in queste innovative costruzioni. Questo è ciò che caratterizzerà il futuro delle costruzioni moderne.
Ma vediamo cosa si intende nello specifico quando si parla di queste innovative costruzioni.

Come nasce una costruzione eco-sostenibile

Da anni ormai si cerca in tutti i modi di proteggere il nostro pianeta dall’inquinamento, cercando delle soluzioni che ne possono diminuire gli effetti e di conseguenza migliorare il futuro nostro e della terra che ci ospita.
Sia il bisogno di migliorare l’ambiente, sia i costi sempre più alti dell’energia, hanno portato alla necessità di voler costruire delle abitazioni sempre più sicure ed ottimizzate dal punto di visto ecologico.
Nel settore edile il concetto di eco-sostenibilità, si riferisce a una costruzione edificata con materiali che rispettano l’ambiente e che non emettono nessuna sostanza che può in qualche modo danneggiarlo.
Per la realizzazione di tali costruzioni è possibile utilizzare diverse soluzioni, per limitare i consumi di energia infatti viene adottato il sistema di recupero delle acque piovane, uso di materiali come il legno o il ricorso all’impianto fotovoltaico.

Cosa si intende nello specifico con costruzione eco-sostenibile?

Si definisce abitazione ecologica, quella che presenta una struttura realizzata con l’utilizzo di materie a basso impatto ambientale, privi di qualsiasi agente inquinante e in grado di garantire il più possibile un minimo consumo energetico.
Nella bio-edilizia questo rispetto per l’ambiente si traduce, appunto, nell’edificare case ecologiche.
Tra i materiali più utilizzati per queste costruzioni occupa il primo posto il legno che, nella maggior parte dei casi proviene da boschi adibiti alla produzione di legname. Si tratta di specifiche zone boschive in cui per il taglio dell’albero viene utilizzato un procedimento speciale, mirato e deciso, in conformità da quando previsto dai relativi piani di gestione forestale.

Standard di qualità delle costruzioni in legno

Il punto di partenza per calcolare l’efficienza effettiva di qualsiasi abitazione già costruita è il suo involucro. Se questo presenta solai, tetto e pareti che non permettono un alto livello di isolamento sia termico, che acustico, è inutile adottare ulteriori impianti sofisticati per generare energia.
L’ ultima generazione delle nuove case in legno garantisce, invece, il corretto rispetto dei parametri di isolamento certificati e garantiti dalle varie aziende.

Vantaggi delle costruzioni in legno eco-sostenibili

I vantaggi delle case in legno che difendono il concetto di eco-sostenibilità, riguardano anche un aspetto molto importante e soprattutto da non sottostimare: la sicurezza che devono garantire tali edifici, ovvero la loro effettiva resistenza antisismica.
Una costruzione si definisce antisismica quando è in grado di resistere ad eventuali scosse sismiche: Per tale motivo è fondamentale avvalersi per la loro realizzazione di specifici materiali, che garantiscono la loro idoneità ad essere impiegati nel rispetto di questi precisi criteri di costruzione.
Il materiale che più di chiunque altro è capace di garantire tutto questo è per eccellenza il legno.

Fondamenta di una casa anti-sismica

Quello dei materiali non è l’unica scelta importante per una costruzione anti-sismica, ma anche il loro progetto occupa un posto di grande rilievo per ottenere ottimi risultati, a partire dalla prima fase, ovvero quella delle sua fondamenta.
Queste devono risultare proporzionali agli altri elementi portanti come, pilastri, solai e travi, la loro perfetta armonia è importante per garantire la massima resistenza ad eventuali sollecitazioni. Per lo scavo, spesso possono essere utilizzati degli escavatori dotati di benne da scavo bivalve il cui funzionamento può risultare meno invasivo e quindi più rispettoso dell’ambiente.

Caratteristiche fondamentali di una costruzione antisismica

Una delle caratteristiche fondamentali di casa antisismica è la sua capacità di non crollare in presenza di un forte terremoto e di non subire nessun danno importante nei casi di scosse leggere.
Per poter garantire tutto ciò, una costruzione anti-sismica deve essere talmente robusta da assicurare la sua stabilità in ogni evenienza sismica, senza subire nessun danno che possa mettere in pericolo la vita dei suoi abitanti.
Per poter procedere alla costruzione di tale abitazione esistono due diverse strade: l’isolamento sismico o l’uso dei dissipatori energetici.
Nel primo caso si tratta di inserire tra il terreno e la base strutturale dei dispositivi flessibili, tale caratteristica permette durante un terremoto che possono muoversi senza danneggiarsi e fare subire danni strutturali.
Nel caso, invece, dei dissipatori energetici, si tratta di catturare l’ energia proveniente dalle scosse sismiche e trasformarla in calore, evitando in tal modo che la struttura si danneggi.

Materiali nelle case prefabbricate anti-sismiche

Il motivo per cui il legno è uno dei materiali più importanti utilizzati nelle costruzioni anti-sismiche è merito soprattutto delle sua caratteristica di elasticità naturale, che gli permette di essere perfettamente idoneo alle direttive riguardo la sicurezza e ai criteri della bio-edilizia; diventando così la strada ideale per chi desidera un modo di abitare ecologico, sicuro ed eco-sostenibile.

Direttive Europee

Ad oggi l’aspetto cruciale di tutti i settori dell’ industria, in particolar modo di quello edile è il risparmio energetico.
Per capire meglio l importanza reale di questo fenomeno, basta sapere che in Europa più del 40% dell’ energia globale è utilizzata per il riscaldamento e la climatizzazione delle costruzioni residenziali.
La continua crescita del consumo, porta come conseguenza al relativo aumento del suo costo e ad una continua diminuzione delle risorse fossili come ad esempio petrolio e gas.
Ciò ha portato a considerare il tema dell’efficienza energetica un problema di importanza rilevante, con la decisione dell’ Unione Europea di stabilire delle nuove regole più severe, destinate alle nuove costruzioni future sia pubbliche che private.
In riferimento a ciò, dal 1° gennaio 2021, le nuove costruzioni private dovranno essere costruite con un consumo d’ energia quasi a zero, mentre per quelle pubbliche tale normativa è già in vigore dal 2018.

I commenti sono chiusi.