L’antifurto wireless: tutto ciò che c’è da sapere

La casa è quell’ambiente dove ci si deve sentire a proprio agio, in una totale sensazione di comfort e tranquillità. Proprio per questo motivo, la sicurezza, all’interno della propria abitazione, è un fattore determinante per poter vivere serenamente e senza troppe preoccupazioni. I sistemi di antifurto e gli allarmi, esistono da anni, e sono nati inizialmente con dei collegamenti tramite cavi: oggi, si trovano sul mercato anche collegamenti senza fili, che sfruttano i sistemi di comunicazione wireless.

I furti in appartamento, del resto, sono un business che purtroppo non passa mai di moda: per questo motivo è importante proteggere nel migliore dei modi la propria abitazione dall’intrusione e da possibili effrazioni da parte di malintenzionati. Ma cos’è l’antifurto wireless?

L’antifurto Wireless, è un sistema digitale e meccanico, in grado di dare l’allarme in caso di tentativo di effrazione, senza un sistema cablato, ovvero senza fili. Ci si collega all’antifurto tramite dei segnali radio o con smartphone. Solitamente la sirena e il sistema di gestione, quindi la centralina dell’antifurto, ma anche telecamere e sensori, sono sprovvisti di fili; tutte le informazioni viaggiano attraverso onde radio dual band, ovvero su due differenti frequenze, così da evitare che vengano manomesse o interrotte.

Antifurto wireless: come funziona

Il cuore del sistema dell’antifurto Wi-Fi è la sua centralina: tramite quest’ultima, il sistema gestisce ed elabora le informazioni da inviare tramite segnali radio, e quando necessita, è in grado di lanciare l’allarme attivando la sirena. In questo modo l’antifurto wireless, non solo attiva l’allarme sonoro, ma inoltra anche un avviso alla centrale di controllo, o allo smartphone, con i sistemi più moderni. La centralina opera per mezzo dei suoi sensori: senza di essi non potrebbe incamerare i dati necessari per lanciare l’allarme. I sensori possono essere in grado di:

  • Rilevare movimenti e vibrazioni;
  • Sentire eventuali perdite di gas;
  • Attivarsi in caso di calore o incendio.

Sulla base delle informazioni che questi sensori ricevono, vengono inviate alla centralina i dati che, una volta analizzati, faranno attivare o meno la sirena d’allarme e gli avvisi, in base alle diverse problematiche. Tutti i sistemi di rilevazione, e la centralina stessa degli antifurti wireless, sono provvisti di sistemi di anti-manomissione.

Antifurto wireless: è veramente sicuro?

Alcuni dubbi negli utenti sorgono dal fatto che si pensa che un sistema di antifurto wireless, quindi pensato per inviare dei segnali che viaggiano via etere, possano essere più facilmente “hackerabili” da malintenzionati che intercettano il segnale.

Sicuramente il sistema via cavo offre una sicurezza maggiore, e per questo sono scelti preferibilmente in ambienti come negozi o banche, ma per un’abitazione, l’antifurto wireless è la soluzione ideale, poiché si sposa perfettamente con le esigenze domestiche, presentando un ottimo livello di sicurezza e un eccezionale facilità di installazione.

I sensori e le telecamere, possono essere facilmente installati, senza necessità di realizzare opere murarie e creare canaline con tracce per far passare i fili del sistema cablato; inoltre, da un punto di vista estetico, il sistema di antifurto Wi-Fi, rappresenta sicuramente la soluzione migliore. Ma quindi l’antifurto wireless è realmente sicuro? Lo è, soprattutto se si utilizza un sistema anti-jamming, che comunica su più frequenze, o se si integra, ad un sistema Wi-Fi, qualche sensore e telecamera con fili, utilizzando un sistema misto.

Il consiglio è quello di affidarsi, soprattutto per quanto riguarda la scelta di un antifurto wireless, a marche affidabili e professionali, con sensori, telecamere e centraline che dispongono di una protezione antistrappo, o il micro interruttore Tamper, in grado di rilevare possibili aperture e manomissioni.

I commenti sono chiusi.